Passa ai contenuti principali

In primo piano

ALLENAMENTO: ESERCIZIO SUL DOMINIO PER I PICCOLI - L'ASPETTO LUDICO IN PRIMO PIANO

Quando si "lavora" con i più piccini, su qualsiasi obiettivo si stia lavorando, la cosa più importante è lavorare sempre facendoli divertire. Oggi proponiamo un'attivazione, ludico motoria, con obiettivo tecnico della conduzione. Come vediamo dalla raffigurazione, grazie a dei coni formiamo un quadrato. Di medie dimensione, dove all'interno faremo condurre palla ai piccoli campioncini. Al fischio del mister, gli allievi usciranno dal quadrato passando nei canaletti fatti con le aste, dovendo andare nelle tane. In questo caso, nella raffigurazione ci sono 5 allievi, e quindi quattro tane, in modo che l'esercizio si può fare anche sotto forma di gara. Ovviamente a seconda del numero dei bimbi metteremo più o meno tane o faremo due stazioni identiche. Ovviamente quest'esercizio, può avere molte varianti, che lasciamo alla fantasia degli istruttori, sia dal punto di vista tecnico che motorio. Inserendo la gara ovviamente ci sarà l'aspetto ludico, che i picco…

SERIE A: ATALANTA – LAZIO : DA FAVOLE A REALTA’



Un’ anno fa erano le vere sorprese del campionato Italiano. Dopo 12 mesi la compagine bermagasca e quella laziale sono vere realtà del nostro campionato.

Guidate da due straordinari allenatori si sono fatte largo in un campionato molto difficile trovando certezze anche sui più difficili campi europei.

Il posticipo della diciassettesima giornata del campionato Italiano ha mostrato ancora di più tutto ciò in una avvincentissima gara giocata da avversari tra le due compagini all’atleti azzurri d’Italia a Bergamo.

Due formazioni che sulla carta sembrano avere schieramenti diversi e che invece giocano praticamente a specchio e soprattutto un modo di interpretare il calcio con un modello Europeo più che italiano.

Il loro è un vero e proprio 3-4-2-1 con 3 difensori centrali, due esterni puri di metà campo che offrono entrambi le fasi, e due giocatori dietro all’unica punta centrale.

Ma oltre alla grande qualità di palleggio quello che si è notato, soprattutto da parte della formazione atalantina è il pressing ultra-offensivo prestato dai propri giocatori praticamente a tutto campo.
Ogni giocatore, ha l’obiettivo di giocare in non possesso contro un giocatore avversario proponendo a tutto campo duelli individuali.

Basti notare i due difensori laterali della difesa a 3 sempre contro i trequartisti avversari con marcature e pressing che si notavano anche a 70 metri dalla propria porta.

In più di un’occasione questo ha portato ad un recupero palla ed alla trasformazione dell’azione da difensiva ad offensiva a soli 30 metri dalla porta da attaccare.

Tutto ciò dimostra che con una grande organizzazione di gioco squadre meno blasonate con una tipologia diversa da quello della solo fase difensiva possono diventare da favole a vere e proprie realtà calcistiche potendosela giocare in ogni singolo match.

Questo testimonia anche l’importanza fondamentale della conduzione tecnica di una squadra, soprattutto anche dal punto di vista motivazionale poiché alcuni giocatori in altre squadre non avevano questa continuità di prestazione e un livello personale generale cosi alto.

In questo modo si sono andati a valorizzare anche diversi giocatori, basti vedere Milinkovic Savic e Luis Alberto della lazio o gli stessi Ilicic e Cristante dell’atalanta diventati ormai giocatori straordinari con una valutazione di mercato altissima.

Probabilmente qualcosa sta iniziando a cambiare, e si spera che nuove generazioni di allenatori, con fantasie concrete continuino ad innalzare il livello e soprattutto ci portino ad un livello generale che meritiamo per riportare l’Italia del calcio dove conta.


Per concludere bisogna quindi complimentarsi con due grandi coach come Simone Inzaghi e Giampiero Gasperini autori della costruzione di due grandi squadre in questo campionato Italiano che sembri stia alzando di nuovo la propria asticella.

Commenti

Popular Posts