Passa ai contenuti principali

In primo piano

ALLENAMENTO: ESERCIZIO SUL DOMINIO PER I PICCOLI - L'ASPETTO LUDICO IN PRIMO PIANO

Quando si "lavora" con i più piccini, su qualsiasi obiettivo si stia lavorando, la cosa più importante è lavorare sempre facendoli divertire. Oggi proponiamo un'attivazione, ludico motoria, con obiettivo tecnico della conduzione. Come vediamo dalla raffigurazione, grazie a dei coni formiamo un quadrato. Di medie dimensione, dove all'interno faremo condurre palla ai piccoli campioncini. Al fischio del mister, gli allievi usciranno dal quadrato passando nei canaletti fatti con le aste, dovendo andare nelle tane. In questo caso, nella raffigurazione ci sono 5 allievi, e quindi quattro tane, in modo che l'esercizio si può fare anche sotto forma di gara. Ovviamente a seconda del numero dei bimbi metteremo più o meno tane o faremo due stazioni identiche. Ovviamente quest'esercizio, può avere molte varianti, che lasciamo alla fantasia degli istruttori, sia dal punto di vista tecnico che motorio. Inserendo la gara ovviamente ci sarà l'aspetto ludico, che i picco…

SERIE A: ALLAN - MATUDI… LA NUOVA VITA DEI VECCHI INCONTRISTI


C’erano una volta gli incontristi, quei classici centrocampisti denominati anche mediani di rottura, il quale compito era quello di “far legna in mezzo al campo” cercando di recuperare quanti più palloni possibili o di cercare di rallentare e far perdere tempi di gioco agli avversari.
Fino a qualche tempo fa però una volta recuperata palla questi tipi di calciatori subito consegnavano palla ai giocatori di più qualità terminando in quel momento il proprio compito.
Da qualche tempo a questa parte però un qualcosa è cambiato e questi giocatori si sono evoluti e non poco.
Quest’anno nel nostro maggiore campionato ci sono due giocatori che la stanno facendo da padrona li in mezzo aiutando le rispettive squadre ad essere li sopra in classifica.
Stiamo parlando di Blaise Matuidi della Juventus e di Allan del Napoli.
I propri allenatori ormai non ne possono fare più a meno e sono ormai pedine fondamentali dei rispettivi scacchieri tattici.
Ma molti si domanderanno perché e come mai ci sia una differenza tra loro e i famosi incontristi.
Il loro ruolo ormai e i loro compiti sono cambiati radicalmente, ma non che non siano più dei mediani di rottura e dei recupera-palloni, bensi affianco a queste “azioni” ci sono altre modalità di interpretare il ruolo.
Di fatto la qualità che mettono in campo è quella quasi di veri e propri registi o di atipici trequartisti.
Oltre a ciò si fanno trovare anche pronti per far goal grazie a inserimenti devastanti che non danno punto di riferimento alle squadre avversarie diventando cosi vere e proprie spine nel fianco.
Il francese in forza da quest’ anno alla Juventus ha fatto cambiare gerarchie e soprattutto modo di giocare alla vecchia signora, mentre il brasiliano partenopeo continua ad essere il giocatore intoccabile nel Napoli nonostante l ‘avvento di tutti quei giovani centrocampisti che vorrebbero rubargli il posto.
Fatto sta che continuando cosi, dando questa quantità e questa qualità, la nuova moda dei nuovi mediani farà fare una grande differenza a queste due squadre che in questo momento stanno lottando per il titolo e probabilmente continueranno a mettersi alle spalle con grossa differenza di punti tutte le altre compagini.
Partendo da mezzali si fanno trovare sempre pronti per la costruzione del gioco, arrivando come si è già detto a concludere le azioni corali delle rispettive squadra con intelligentissimi inserimenti.
Ci troviamo di fronte ormai a giocatori dal doppio ruolo che creano superiorità numerica sia in fase difensiva che in quella offensiva diventando l’ago della bilancia di qualsiasi partita.
La domanda allora arriva spontanea…
Con l’impazzire del mercato e con cifre altissime anche per difensori…quanto valgono giocatori del genere capaci quasi di indirizzare le partite come i veri fuoriclasse?

Probabilmente la risposta non la avremo mai…ma la certezza è una. I grandi allenatori, giocatori del genere li vorrebbero avere sempre in rosa quasi quanto i grandi numeri 9 e 10 poiché hanno quasi la stessa importanza di giocatori dai 20 ai 30 goal stagionali.

Commenti

Popular Posts