Passa ai contenuti principali

In primo piano

ALLENAMENTO: ESERCIZIO SUL DOMINIO PER I PICCOLI - L'ASPETTO LUDICO IN PRIMO PIANO

Quando si "lavora" con i più piccini, su qualsiasi obiettivo si stia lavorando, la cosa più importante è lavorare sempre facendoli divertire. Oggi proponiamo un'attivazione, ludico motoria, con obiettivo tecnico della conduzione. Come vediamo dalla raffigurazione, grazie a dei coni formiamo un quadrato. Di medie dimensione, dove all'interno faremo condurre palla ai piccoli campioncini. Al fischio del mister, gli allievi usciranno dal quadrato passando nei canaletti fatti con le aste, dovendo andare nelle tane. In questo caso, nella raffigurazione ci sono 5 allievi, e quindi quattro tane, in modo che l'esercizio si può fare anche sotto forma di gara. Ovviamente a seconda del numero dei bimbi metteremo più o meno tane o faremo due stazioni identiche. Ovviamente quest'esercizio, può avere molte varianti, che lasciamo alla fantasia degli istruttori, sia dal punto di vista tecnico che motorio. Inserendo la gara ovviamente ci sarà l'aspetto ludico, che i picco…

ALLENAMENTO: ATTIVAZIONE CON PERCORSO TECNICO-MOTORIO

Oggi il Mister ci presenta un'attivazione, che va bene per un pò tutte le categorie di base, che ha elementi ludici, tecnici e soprattutto motori con abilità coordinative soprattutto visto che ci troviamo di fronte ad allievi che vanno dai 6 ai 12 anni di età. Esercizi con un po di elementi cognitivi ( senza esagerare) fanno sempre bene, stimolano tanto soprattutto se sono superati dai giocatori. Abbinare poi più cose sempre nei limiti è sempre una cosa positiva, non annoia i bambini ma li diverte e li tiene sempre attivi. 

Abbiamo presentato quest'attivazione a pulcini ed esordienti ed è andata molto bene, l'importante è sempre gestire il recupero senza far fare troppi sforzi. Sensibilizzare poi nella conduzione, soprattutto durante un attivazione, tutte le parti del piede non può che far bene ai ragazzi. 

Il mister come sempre ci presenta la raffigurazione per capire bene le distanze e far capire come proporre l'esercizio, e ci fa anche una bella spiegazione precisa di tutto.


L'esercizio parte con il giocatore azzurro che con palla in mano in corsa si dirige in diagonale in direzione del cono numero 2 passando per i coni e gli ostacoli. Con palla in mano quando arriva verso un cono questo in corsa oltrepassa il cono aprendo le gambe per poi richiuderle per continuare la corsa e saltare a piedi uniti gli ostacolini. Arrivato al numero 2 il collaboratore li vicino chiamerà o colore blu o rosso per far intendere al giocatore la direzione da prendere. A seconda del colore il giocatore sempre con palla in mano effettuerà una corsa con slalom nei cinesini per arrivare al cono numero 3 o numero 4. Se arriverà al numero 3 poi in diagonale con la stessa modalità si prensenterà fino al numero 4 per poi correndo con slalom tra i gialli ritornare alla postazione iniziale. Se fosse andato al cono numero 4 sarebbe poi andato al numero tre con la stessa modalità tra coni e ostacoli per poi fare slalom tra i cinesini verdi e tornare alla postazione iniziale. Il giocatore seguente partirà quando quello che lo precede si troverà al cono centrale di tutto l'esercizio nel primo step tra coni e ostacoli.
A seconda dei giocatori si decide se fare una stazione o due stazioni e si gestisce il recupero ogni qual volta un giocatore finisce l'esercizio per una ripetizione.

VARIANTI
1) Diverse modalità di elementi motori da prendere in considerazione ( farlo senza palla e gattonare sotto gli ostacoli, superare i conetti con modalità avanzamento laterale-indietregiamento laterale ed avanzamento ultimo, tra i cinesini diverse modalità di corsa)

2)Uso della palla con l'utilizzo dei piedi: superare i coni aggirandoli interamente con un piede alla volta con interno ed esterno ad alternanza per la sensibilità delle diverse parti del piedi, superare gli ostacoli facendo passare palla sotto o saltandoli con la suola passando tra essi; conduzione stretta e quindi molto tecnica tra i cinesini posizionati in modo stretto.

Presenza sempre minimo di due istruttori in campo.

Commenti

Popular Posts