Passa ai contenuti principali

In primo piano

ALLENAMENTO: ESERCIZIO SUL DOMINIO PER I PICCOLI - L'ASPETTO LUDICO IN PRIMO PIANO

Quando si "lavora" con i più piccini, su qualsiasi obiettivo si stia lavorando, la cosa più importante è lavorare sempre facendoli divertire. Oggi proponiamo un'attivazione, ludico motoria, con obiettivo tecnico della conduzione. Come vediamo dalla raffigurazione, grazie a dei coni formiamo un quadrato. Di medie dimensione, dove all'interno faremo condurre palla ai piccoli campioncini. Al fischio del mister, gli allievi usciranno dal quadrato passando nei canaletti fatti con le aste, dovendo andare nelle tane. In questo caso, nella raffigurazione ci sono 5 allievi, e quindi quattro tane, in modo che l'esercizio si può fare anche sotto forma di gara. Ovviamente a seconda del numero dei bimbi metteremo più o meno tane o faremo due stazioni identiche. Ovviamente quest'esercizio, può avere molte varianti, che lasciamo alla fantasia degli istruttori, sia dal punto di vista tecnico che motorio. Inserendo la gara ovviamente ci sarà l'aspetto ludico, che i picco…

ALLENAMENTO: REATTIVITA' NELLA PREPARAZIONE E CONCLUSIONE IN PORTA

Nell'articolo di oggi il Mister ci presenta il seguente allenamento riguardante la conclusione in porta. Ma nello specifico non viene allenato solo il classico tiro in porta, bensi' la preparazione a questa che tante volte è molto poco reattiva ed ha nelle sue caratteristiche negative la poca velocità. Quindi oggi il mister ci presenta quest'esercizio, da presentare ovviamente a bambini che ormai conoscono bene i gesti tecnici, per migliorarli proprio dal punto di vista della velocità d'esecuzione. L'esercizio inoltre, ha anche aspetti cognitivi molto importanti, per sviluppare anche la mente e per ampliare l'esercizio e non dare dell'automaticità a quest'ultimo.
Di seguito abbiamo una bellissima raffigurazione e la spiegazione che ben ci fa capire tutto l'esercizio in tutte le sue sottigliezze.


L'esercizio parte con l'istruttore che chiama il numero della porticina dove il giocatore dovrà posizionarsi per ricevere palla. Oltre al numero della porticina il Mister chiamerà anche il nome dell'istruttore da dove arriverà la palla. Come da figura facciamo l'esempio che l'allenatore dirà velocemente le parole uno-salvatore. Il giocatore che partirà si posizionerà alle spalle della porticina numero 1, riceverà la palla dell'istruttore Salvatore attraverso la porticina e velocemente con due tocchi si preparerà alla conclusione. Due tocchi poichè il primo sarò un controllo, il secondo di preparazione superando la porticina esternamente a destra o sinistra di essa, e il terzo tocco sarà allora la conclusione. Partirà ovviamente un giocatore alla volta. Con un gruppo numeroso si potrà fare due stazioni in due parti di campo con al posto di un istruttore un giocatore alla volta che farà da sparring. Quando invece ad esempio la palla arriverà dall'istruttore Alberto il giocatore si metterà sempre nella stessa posizione, in questo caso davanti alla porticina arrivando palla da dietro, e sempre nello stesso modo supererà la porticina esternamente e andrà a calciare, con la sola differenza che in pratica riceverà palla spalle alla porta.
Sicuramente in ogni caso c'è bisogno in campo di minimo due istruttori.

VARIANTI
La variante più semplice è quella di far arrivare la palla al giocatore per via aerea.

Commenti

Popular Posts