Passa ai contenuti principali

In primo piano

ALLENAMENTO: ESERCIZIO SUL DOMINIO PER I PICCOLI - L'ASPETTO LUDICO IN PRIMO PIANO

Quando si "lavora" con i più piccini, su qualsiasi obiettivo si stia lavorando, la cosa più importante è lavorare sempre facendoli divertire. Oggi proponiamo un'attivazione, ludico motoria, con obiettivo tecnico della conduzione. Come vediamo dalla raffigurazione, grazie a dei coni formiamo un quadrato. Di medie dimensione, dove all'interno faremo condurre palla ai piccoli campioncini. Al fischio del mister, gli allievi usciranno dal quadrato passando nei canaletti fatti con le aste, dovendo andare nelle tane. In questo caso, nella raffigurazione ci sono 5 allievi, e quindi quattro tane, in modo che l'esercizio si può fare anche sotto forma di gara. Ovviamente a seconda del numero dei bimbi metteremo più o meno tane o faremo due stazioni identiche. Ovviamente quest'esercizio, può avere molte varianti, che lasciamo alla fantasia degli istruttori, sia dal punto di vista tecnico che motorio. Inserendo la gara ovviamente ci sarà l'aspetto ludico, che i picco…

LA VITTORIA DEL BEL CALCIO, CHE ARRIVA DALLA PANCHINA...


Il vento è cambiato, l'ha cambiato lui l'uomo che arrivava dalle scrivanie delle banche e che non poco tempo fà veniva continuamente allontanato dal campo ed esonerato da qualsiasi società. Ma la tempra, la voglia, la determinazione e il portare avanti le proprie idee alla fine lo ha premiato ed eccolo qui, con una squadra sicuramente non pronosticabile vista la rosa come possibile vincitrice, a giocarsi un campionato fino alla fine, e che ora sembra sià più di un semplice sogno. Ma tutto questo è arrivato senza enormi fatturati, solo con il lavoro del campo e con il bel gioco che ha entusiasmato mezza Europa. Purtroppo o fortunatamente in un calcio in continua evoluzione questo è uno spot per chi crede ancora che con il lavoro, la fantasia e tutto il resto si possano battere squadre più blasonate e formate da quasi tutti fuoriclasse. Ma forse, il vero fuoriclasse che davvero può tutto bisogna averlo in panca, e soprattutto in campo durante gli allenamenti e le partite, come ci sta dimostrando il divino Maurizio. E' ormai da più di 2 anni che il Napoli propone un calcio straordinario, ma ancor di più quest'anno, e avendo colmato alcune lacune che negli anni a dietro purtroppo avevano fatto fermare tutto sul più bello sembra davvero che sia possibile arrivare al tricolore. Oltre all'aspetto tecnico-tattico è la mentalità che sorprende. Una squadra che gioca ogni partita nella stessa maniera, quella di attaccare gli avversari andarli a prendere nella loro metà campo e cercando di vincere ogni singola partita andando sempre e comunque al massimo. Anche giocatori che non hanno nelle "corde" tante qualità, sia tecniche, che fisiche che tattiche hanno raggiunto una maturità calcistica straordinaria. Tutto questo grazie a lui, colui che forse lo sta cambiando questo calcio e che ci sta dando enormi insegnamenti. L'esempio più lampante lo abbiamo avuto nella partita di ieri dove il suo Napoli è andato a Torino, giocando una partita dalla grande personalità e una partita dove come sempre ognuno sapeva cosa fare e alla fine tutto questo ha permesso una grandissima vittoria. Tante volte si dice che contro grandi fatturati, contro squadre di campioni non si può far nulla, ma Mister Sarri probabilmente ci sta insegnando che quando si scende in campo si è 11 contro 11,e lavorando nel modo migliore qualsiasi pronostico può essere ribaltato quando si ha un qualcosa su cui lavorare ovviamente e quando la passione, la voglia e la determinazione la fanno da padrona. Tutto quello che si vede in questo Napoli ci testimonia quello che durante gli allenamenti e le ore e ore di lavoro viene proposto e fatto dal proprio allenatore che ha trasformato qualsiasi giocatore ed ha costruito una macchina perfetta, sottolineando che i giocatori che ne fanno parte nella maggior parte dei casi sono giocatori di poco sopra la media e che hanno come loro avversari giocatori con qualità estremamente diverse e con qualità stratosferiche. La vittoria di ieri, e forse dello scudetto del Napoli è una cosa che fa bene al calcio, perchè un evento del genere porterebbe con se tantissime scorie e davvero tantissime cose potrebbero cambiare. Grazie al "Maestro" ormai chiunque può sognare, forse più che per il calcio il cambiamento radicale è proprio per gli addetti ai lavori, come istruttori, educatori, piccoli allenatori, che in questo modo possono sognare di arrivare, arrivare li in alto come ha fatto il grande Sarri che partito da lontano è arrivato grazie all'amore per questo magnifico sport nell'elite del calcio e forse, anzi sicuramente nessuno lo potrà mai più dimenticare.

Commenti

Popular Posts